L’Amdi: al servizio dell’ investitore

Vi aiuta a stabilirvi nel paese e a prosperare

– Vi aiuta a individuare un luogo che corrisponda alle esigenze specifiche del vostro progetto.

– Vi mette in contatto con le zone franche/industriali per beneficiare dei migliori vantaggi e delle opportunità disponi bili.

– Facilita l’integrazione della vostra impresa nel tessuto economico locale

Vi aiuta a realizzare il vostro progetto

Vi fornisce informazioni dettagliate sulle normative applicabili al vostro investimento.

-Vi aiuta a individuare i vantaggi finanziari disponibili per il vostro progetto a livello nazionale e regionale.

-Vi garantisce l’aiuto necessario per velocizzare le procedure e vi assiste nei contatti con i servizi governativi.

Vi accompagna

-Vi accoglie e vi fornisce i consigli necessari per il vostro investimento.

-L’AMDI, attraverso il suo servizio after-care, si assicurerà della vostra soddisfazione a seguito dell’avviamento del progetto.

Un contesto economico favorevole agli investimenti

Tutela dell’investitore

• 51 accordi per evitare la doppia imposizione

• 62 accordi per la promozione degli investimenti esteri

• Membro del Comitato per gli Investimenti dell’OCSE

• Membro del Centro internazionale per la risoluzione delle controversie sugli investimenti (CIRDI)

• Membro della MIGA (Agenzia Multilaterale per la Garanzia degli Investimenti)

Riforma del quadro giuridico

• Creazione del Comité National de l’Environnement des Affaires (CNEA – Comitato nazionale per il sistema economico) al fine di facilitare le procedure e l’accesso all’informazione e condurre delle riforme giuridiche

• Ammodernamento del diritto delle società

• Rafforzamento della tutela in materia di proprietà intellettuale

• Nuova legge in materia di arbitrato e mediazione

• Nuova regolamentazione bancaria

• Semplificazione amministrativa

Incentivazione fiscale

• Riduzione della spesa fiscale

• Creazione di fondi specifici per l’incoraggiamento degli investimenti

Strumenti internazionali

Il Marocco ha sottoscritto la Dichiarazione OCSE sulla correttezza, integrità e trasparenza nella conduzione delle attività societarie e finanziarie internazionali e la Dichiarazione sulla crescita verde.

Nel 2011, il Marocco è stato il paese che ha “migliorato maggiormente” la propria regolamentazione di business

+21 posizioni nella classifica mondiale .

Il Marocco: priorità agli investitori

Un pacchetto di allettanti incentivi

– Zone franche

– Un contesto economico favorevole

– L’AMDI, il vostro interlocutore

Fondo per la promozione degli investimenti FPI

Condizioni di eleggibilità:

• Investimento ≥ 200 milioni DH

• Sostegno fondiario: partecipazione dello Stato fino al 20% delle spese di acquisizione

• Infrastrutture esterne : contributo del 5% dell’ammontare globale del programma d’investimento

• Formazione: partecipazione dello Stato fino al 20% del costo


Fondo Hassan II

Condizioni di eleggibilità:

• Ammontare totale dell’investimento ≥ 5 milioni DH

• Ammontare dell’investimento in beni e attrezzature ≥ 2,5 milioni DH

– Settori: Automotive, aeronautica, elettronica, nanotecnologie, microelettronica e biotecnologia

– Sostegno fondiario : il 30% del costo di costruzione e di acquisizione del terreno

– Attrezzature: il 10% del costo delle nuove attrezzature (al netto di dazi e imposte all’importazione)

Fondo Energia

Condizioni di eleggibilità :

• Ammontare dell’investimento in beni strumentali ≥ 2,5 milioni DH

• Stipula di un contratto di investimento con lo Stato

– Fondi dotati di uno stanziamento di 52 miliardi di DH

Obiettivi :

• Finanziare i nuovi impianti per la produzione di energia, in particolare nel settore delle energie rinnovabili

• Offrire sovvenzioni ai realizzatori dei progetti

Fondo marocchino per lo sviluppo del turismo (FMDT)

Entità del fondo 1,5 miliardi DH e 15 miliardi di dirham per un periodo di 10 anni

• Obiettivi del fondo – Agevolare la realizzazione di «Visione 2020» – Produrre un forte impatto sull’economia marocchina e assicurare una redditività finanziaria per gli investitori

Condizioni di eleggibilità:

• I progetti coinvolti devono riguardare le infrastrutture alberghiere, di animazione, ludiche, del turismo d’affari e le infrastrutture culturali a carattere turistico

Codice generale delle imposte

Condizioni di eleggibilità:

• Investimento calcolabile in un ammontare ≥ 200 milioni DH

Esenzione dell’IVA sull’importazione di beni strumentali, materiali e attrezzature per la durata di 36 mesi a decorrere dall’inizio dell’attività

Casablanca Finance City

Condizioni di eleggibilità:

• Attività con imprese non residenti

• Conformità alla legislazione e alla normativa relative al settore finanziario

Esenzione totale per i primi 5 anni di esercizio e successivamente l’8,75 %

– Tassazione ad aliquota ridotta del 10 % (imposta sul reddito delle società)

– Tassazione ad aliquota specifica del 20% per i redditi salariali (imposta sul reddito)

Risorse umane di qualita’

Una popolazione giovane e preparata

• Il 64% dei marocchini ha meno di 34 anni

• 6 milioni di giovani (tra i 18 e i 35 anni)

• Una popolazione attiva di 12 milioni

• 175.000 studenti in formazione universitaria

• 10.000 ingegneri laureati ogni anno

• Oltre 100 Università e scuole pubbliche

• Oltre 200 scuole di specializzazione private

Una gioventù aperta al mondo

• 13 milioni di internauti

• 4,1 milioni di utenti Facebook (39^ posizione mondiale), di cui l’80% ha meno di 30 anni

• Crescita continua dell’apprendimento di inglese, spagnolo e tedesco

• Forti affinità culturali e linguistiche con l’Europa

Grande rinnovamento delle infrastrutture

Aeroporti

• 15 aeroporti internazionali

• Casablanca hub #1 Europa-Africa

Rete tranviaria

• Rabat e Casablanca

• 1 miliardo €

Autostrade (in Km)

• 2000 – 2010: da 150 a 1.000 km (≈ x 7)

• 2010 -2015 : da 1.000 a 1.800 km (≈ x 2)

Rete ferroviaria

• Primo TAV in Africa (Tangeri-Casablanca) nel 2015 – 1,8 miliardi €

Tangeri Med: infrastruttura di livello internazionale in una posizione geografica strategica

• Capacità attuale di 3 milioni di container

• Capacità di 8,5 milioni di container nel 2017

• Obiettivo: entrare a far parte dei World Top 15

• Offerta integrata di aree industriali, logistiche e commerciali nella zona del porto

Piattaforma portuale ideale per servire l’Europa e i paesi dell’Africa orientale.

Ambiziose strategie settoriali

Logistica

Lanciata nel 2010

Obiettivi:

•Migliorare la competitività logistica del paese

•Ridurre dal 20% al 15% del PIL i costi logistici

•Creare una rete nazionale integrata di 70 aree logistiche multiflusso

Turismo: “visione 2020″

Lanciata nel 2010

Obiettivi:

•20 milioni di turisti nel 2020

•200.000 posti letto aggiuntivi

•PIL Turismo: da 6 miliardi US$ nel 2010 a 14 miliardi US$ nel 2012

Agricoltura: piano “Marocco verde”

Lanciato nel 2008

Obiettivi:

•Modernizzare il settore agricolo

•10 miliardi US$ di PIL aggiuntivo proveniente dall’agricoltura

•15 miliardi US$ di investimenti pubblici e privati

Pesca: “Halieutis”

Lanciato nel 2008

Obiettivi:

•1,5 miliardi US$ di PIL aggiuntivo

•Creazione di 75.000 posti di lavoro entro il 2020

Commercio: “Rawaj 2020”

Lanciato nel 2008

Obiettivi:

•Un PIL del commercio di 98 miliardi di DH, ovvero un contributo del 12,5% al PIL del Marocco

•Oltre 200.000 nuovi posti di lavoro

Edilizia

Lanciata nel 2009

Obiettivi:

•Ridurre la carenza delle unità abitative

•Costruire 100.000 alloggi l’anno

 Energia: piano solare marocchino

Lanciato nel 2009 (solare) e nel 2010 (eolico) con un budget di 15 miliardi US$

Obiettivi:

• >40% della produzione nazionale da fonti rinnovabili nel 2020

• Capacità: 2.000 MW solare + 2.000 MW eolico

• Sviluppare l’edilizia popolare

Finanza: Casablanca finance city

Lanciata nel 2010

Obiettivi:

• Fare di Casablanca un hub regionale verso il Maghreb e l’Africa orientale.

• Creare nuove opportunità lavorative

Le testimonianze

Spazio Marocco

Gli osservatori internazionali attestano l’eccezione marocchina e lodano il suo slancio democratico

– “Despite regional troubles, Morocco continues its progress…Various factors point to encouraging prospects for the Moroccan economy in 2011, namely an excellent harvest and a continuous diversification of the Moroccan economyInternational think-tank Oxford Business Group (OBG)-29/07/2011

– ‘‘La performance de l’économie marocaine reste l’une des plus élevées de la région du Moyen Orient et d’Afrique du Nord (MENA)’’. Nema Shafik, Directrice générale adjointe du Fonds monétaire international (FMI) -14/05/2012

– “Morocco is a model to follow in the region. Together with Tunisia, we will find the needed cohesion and dynamism to strengthen the role of the region in the Mediterranean “. Moncef Marzouki, President de la Tunisie – 08/02/2012

– “Morocco tends to align more with Europe than with its Southern and Western neighborsCNN – 21/02/2011

– “Morocco’s stability and the constructive spirit of the Moroccan society as well as its commitment to tolerance and openness praised Morocco’s institutional reforms and the adoption by the Moroccan people of the new democratic constitution”. Bernardino Léon, représentant de l’UE dans la région sud de la Méditerranée – 26/07/2011

– “The new constitution represents a “major and positive step” on the path of democracy consolidation in MoroccoCarlos Carnero Gonzalez, Ambassadeur Espagnol pour l’intégration européenne – 22/07/2011

– “His Majesty the King and the people of Morocco showed great political maturity. Compared to what it is happening elsewhere in the region and around the world, Morocco is quite admired in the United State. We look to Morocco quite often as an example of how you create a climate in which businesses are welcomed, investors are attracted, people have jobs because of thatHillary Clinton, Secrétaire d’Etat – 26/02/2012

– « Le Maroc compte parmi les pays ayant fait es progrès les plus notables en matière d’investissement, particulièrement pour ce qui est de la qualité des informations fournies aux investisseurs par l’AMDI et leur présentation de haut niveau » Banque Mondiale – 22/05/2012

Solide basi macroeconomiche

Solide basi macroeconomiche

Ntic: “Marocco digitale 2013”

Lanciato nel 2009

Obiettivi:

• 1,6 % di crescita aggiuntiva del PIL

• 220.000 nuovi posti di lavoro

• Settori chiave: automotive, aeronautica, elettronica, NTI, agricoltura e pesca, tessile

Ambiziose strategie settoriali

Industria: patto per l’emergenza

Lanciato nel 2008

Obiettivi:

• Accesso generalizzato alle connessioni internet a banda larga

• E-government

• Incoraggiare l’utilizzo delle IT nelle PMI

–  Nel 2011 ha riscontrato il più alto aumento del numero di internauti del nord Africa

Il Marocco: un contesto politico stabile

Uno slancio costante di apertura e democratizzazione

– Una monarchia fondata nel 788 (12 secoli di esistenza)

– Un sistema parlamentare bicamerale

– Tutte le leggi sono sottoposte al voto delle 2 camere

– Un Consiglio Costituzionale che vigila sulla conformità delle leggi alla Costituzione

– Un’autorità giudiziaria indipendente dal potere legislativo ed esecutivo

– Un sistema pluripartitico

– Oltre 85.000 associazioni e ONG

– Nel luglio 2011, è stata votata con referendum una nuova Costituzione che ha sancito:

• Pluralità dell’identità marocchina

• Stato di diritto e delle istituzioni

• Libertà individuale e collettiva

• Diritti dell’uomo

•Moralizzazione della vita pubblica